PPP/17/001

Untitled (pelli) 2017. Scultura.

Dida: Fotografia digitale stampata su Decotex, 500x300cm 

Descrizione:

Una grande stampa fotografica è agganciata al muro come un corpo svuotato che, raggiungendo terra, disegna un panneggio licenzioso.  Attraverso l’utilizzo di linguaggi e attitudini specifiche della fotografia, della scultura e della pittura,  l’opera suggerisce un legame spirituale –   per via comica e ancestrale - con la materia, scardinando la tradizionale dicotomia tra organico e inorganico, tra regno umano e regno animale. Un cumulo di pelli e interiora, fotografate dall’artista in un macello di Monaco, sono messe in opera ricercando l’eleganza fastosa dei drappi e delle quinte teatrali, evocando al contempo una tavolozza cromatica rossa e terrosa che rimanda alla tradizione pittorica. Non può, ad esempio, non venire alla mente la macelleria di Annibale Carracci.
Il panneggio del supporto si sovrappone a quello dell’immagine, generando una particolare e verosimigliante continuità tra realtà e finzione che mette il pubblico nella posizione di subire un’inaspettata carica di carnalità, come l’immagine gli stesse effettivamente crollando addosso.

Mostre:

Esercizi di Stile, 2017, a cura di Francesca Manni, Mambo, Bologna. 
Biennale dei Giovani di Monza,  2017, a cura di Daniele Astrologo, Monza. 
Tragitti Divaganti, 2018, a cura di Davide Ferri e Francesca Bertazzoni, P420,  Bologna. 
Yicca prize, 2019, a cura di Giovanni Rendina, Rizzuto Gallery, Palermo 

Pubblicazioni:

Pubblicato su “71° edizione Premio Michetti: L’aureola nelle cose: sentire l’habitat”. A cura di Guido Molinari, Corraini Edizioni, Mantova, 2020. P.66 
Pubblicato su “Yicca 18/19” catalogo, edizione APS MOHO, P.62-65 

Immagini dell'opera sul sito Azzurro3

http://azzurro3.com/giulia-poppi-work

Dimensioni: 500x300cm

Peso: 6Kg

Imballaggio: Tubo e Pluriball (150x70cm)

Proprietà dell'opera: L'artista

Edizione: 1/1

Note d'allestimento: appendimento a muro tramite vite (10cm circa) posizionata a 4m d'altezza indicativamente. I lembi superiori del tessuto ripiegati ed annodati.